Perché non parli della guerra?

https://www.raiplaysound.it/programmi/jackfollaundjnelbracciodellamorte

“Albatros senz’occhi” mi ha scritto Linda da Udine, rimproverandomi: “perché non hai detto una parola sull’invasione dell’Ucraina?”. Perché Radio 1 di occhi ne ha infiniti. Che poteva aggiungere il mio sguardo? Ho cercato d’intrattenervi parlando d’altro, perché la guerra ci era entrata dappertutto. Ed è così che ti voglio rispondere. Tutti noi ci siamo visti entrare i soldati russi dalle finestre, i carri armati con la Z erano parcheggiati sotto casa, il ministro degli esteri dello zar Putin parlava di escalation atomica, e non si capisce, o si finge, che ogni parola aggressiva è già una bomba a scoppio ritardato. Non si capisce che la guerra, quella più devastante, non solo è quella raccapricciante che guardiamo inorriditi sugli schermi, nel momento che esplode, ma è la contaminazione e il contagio che l’aggressione russa produrrà dietro le nostre palpebre, nei meandri della mente, nei cunicoli del cuore, dove quasi mai la nostra coscienza arriva a illuminare i disastri prodotti dalla guerra che si tramanderanno alle generazioni future.

https://www.raiplaysound.it/audio/2022/04/Jack-Folla-un-dj-nel-braccio-della-morte-del-07042022-69307cb9-3837-4a77-8940-8214b60b7200.html

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...