Lacrime napulitane

E’ Primmavera o nun è Primmavera? Nun se sente p’’e strade “Bellu sciore…” Chesta jurnata scura cchiù d’’a sera n’alba ‘e tristezza ha miso dint’’o core. Nun saglie a voce: “ ‘E ffravule ‘e ciardino!” ‘O pianino nun sona “Quanta rose”! Pare ca tutto dorme a ssuonno chino, pare ca songhe ‘e neve tutt’’e ccose. […]

Continua a leggere

‘O MURATORE

Na rota ‘e folla. ‘O nniro d’ ‘o tturreno ncopp’ ‘o ggriggio d’ ‘ a faccia. ‘O sanghe ha fermato ‘o sudore, russo ncopp’ ‘o gghianco d’ ‘a càvice. E nisciuno pavarrà p’ ‘a famme e pe ‘o dulore d’ ‘e figlie! Giuseppe Carullo, Poesie (edizioni Unione Napoletana Autori, 1971

Continua a leggere

Franco

Una volta durante la notte mi sono alzato, sono venuto in questa stanza e ho guardato in faccia la mia paura, con attenzione, e la crisi si è risolta. Non è facile, perché in quel momento ti senti un essere sbattuto nel nulla, non hai legami con niente. È la notte oscura di San Giovanni […]

Continua a leggere

‘O quatt’ ‘e maggio

 E tenevo ‘na bella putechellach’avevo fatto tanto p’accurzá.Soglia ‘e marmo, bancone musticella,ce asceva chellu ppoco pe campá.  E avevo una bella bottegache avevo fatto tanto per cominciare.Soglia di marmo, bancone di legno,ne ricavavo quel poco per vivere.  Vene ‘o padrone ‘e casa,dice: “‘A mesata è poca.Mettitece ‘a si-locae ‘un ne parlammo cchiù”.  Viene il padrone […]

Continua a leggere

Maggio

Ncopp’a nu balcone ‘e fronne, dint’ a nu silenzio ‘e rose, me parla tutto’ nzieme nu penziero. E Maggio – suspiro verde d’ ‘a Primmavera – cunnuleia chianu chiano ‘a stanchezza ‘e stu core, c’ ‘ o riturnello antico ‘e na canzone, c’ ‘ a voce, malinconica e doce, ‘e na campana. Giuseppe Carullo

Continua a leggere