Il treno, e me, e la mia moleskine

Le note cominciano e salgo i gradini mentre iniziano ad essere convinte e nitide. Non sento più i graffi metallici del treno, il giorno comincia con quel pezzo e io e loro, la gente, ci accalchiamo nel vagone e contro i finestrini.Guardano i miei capelli (li voglio lunghi poi cambio colore qualcosa di mio di […]

Continua a leggere

SALUTO A PULCINELLA

Vorrei dedicarti un’ode sdrucciola, maschera arguta d’un’età più bella. Oggi biancheggi nella mia memoria accanto a un sogno d’oro, Pulcinella! Cuore pulsante della vecchia Napoli ti prego di scusarmi: sembra strano, il poeta e umorista non sa scrivere per te stasera… e trema la sua mano. Tu sorgi in mezzo ai guappi e agli sciammeria, […]

Continua a leggere

Ascolta la canzone del vento

Parlare di una persona morta è tremendamente difficile, ma a maggior ragione lo è se la persona in questione è morta giovane. Perché a causa della sua morte precoce resterà giovane per sempre. Mentre noi che siamo rimasti, anno dopo anno, mese dopo mese, giorno dopo giorno andiamo invecchiando. A volte mi sembra di invecchiare […]

Continua a leggere

Non si discute con gli asini

L’asino disse alla tigre: – “L’erba è blu.” La tigre rispose: – “No, l’erba è verde.” La discussione si accese e i due decisero di sottoporla ad arbitrato, e per questo si accordarono davanti al leone, il re della giungla. Ancor prima di raggiungere la radura nella foresta, dove il leone era seduto sul suo […]

Continua a leggere

L’URDEMO SOLE

Sto ccà. E bevo l’urdemo sole d’està, dint’’a giarra d’acqua e limone, dint’’e pparole scarze, mentre ‘o tiempo ruciulea. Stu tiempo ‘e ricorde. Giuseppe Carullo, Nustalgia

Continua a leggere