IL RACCONTO DELL’ANCELLA – Margaret Atwood cOME TUTTI GLI STORICI SANNO, IL PASSATO è UN GRANDE SPAZIO BUIO, COLMO DI ECHI. LE VOCI CHE CI RAGGIUNGONO DI Lì SONO INTRISE DELL’OSCURITà DELLA MATRICE DA CUI PROVENGONO E, PER QUANTO CI SI PROVI, NON SEMPRE POSSIAMO DECIFRARLE CON ESATTEZZA ALLA LUCE PIù CHIARA DEL NOSTRO TEMPO.

Continua a leggere

LUNTANANZA

‘O vvi’ sto ccà, screvenno, comm’a quanno screvevo l’ore sane affianco a tte e tu me suspirave, ricamanno: – Vuò bbene sulo a mme? ‘O vvi’ sto’ ccà, c’ ‘o stesso foglio ‘nmano, ‘o stesso penzaruso comm’a cché… e st’uocchie mieie guardano assaie luntano, forse senza vedé… E scrivo ancora, ‘o vvì? malincunie, suspire, vase, […]

Continua a leggere

L’assenza

L’assenza non è un concetto astratto. Sbaglia chi pensa si tratti solo dell’ostinata sopravvivenza di un ricordo evanescente. L’assenza ha una propria dimensione fisica, è qualcosa di tangibile che arriva ai sensi. A volte si nasconde nella fragranza di un profumo rimasta imprigionata in un armadio vuoto, altre volte rimane impressa su un cuscino e […]

Continua a leggere

Donata

Quando l’Amore lega indissolubilmente due esseri umani, la differenza d’età é un dettaglio che solo chi ha occhi aridi può scorgere.Io li ho visti insieme Tani e Donata.Fortunatamente non me ne sono mai accorta.

Continua a leggere

Panni stesi

Io – dice Saverio – del mio quartiere so tutto.E per forza, perché a Napoli ci sono le corde tese da palazzo a palazzo per stendere i panni, e su queste corde le notizie corrono e si diffondono – dice Bellavista.E già perchè, se ci pensate bene un momento, per stendere una corda tra il […]

Continua a leggere