Halloween napulitano

Un tempo i bambini napoletani nel periodo dei Morti si divertivano ad andare in giro per i vicoli portando ‘a cascettella, una piccola scatola di cartone, con una fessura alla sommità, che avevano essi stessi diligentemente costruito. Sulla scatola avevano disegnato un teschio a mo’ di quello dei pirati o di “chi tocca i fili […]

Continua a leggere

L’isola dei senza memoria

Anche il cuore più devastato dal vuoto, tenta evidentemente di sentire qualcosa  L’isola dei senza memoria di Yoko Ogawa, ha una trama che solo a leggerla scatena un’ondata di entusiasmo non indifferente. Su un’isola imprecisato la vita degli abitanti è scandita dalle sparizioni: alcune mattine essi si svegliano e scoprono che il ricordo di qualcosa […]

Continua a leggere

ABBANDONABILE

Ho capito di essere una persona abbandonabile. Non nel senso che non posso evitare l’abbandono, che mi è ovvio fin da bambina. Ma che lo considero una possibilità imminente e talvolta auspicabile. Un tempo pensavo di essere una che abbandona facilmente. Ora so che, anche se con dolore, sono abbandonabile. Voglio dire che quando sento […]

Continua a leggere

UTTOMBRE

Alba d’uttombre. Miez’’o cielo opaco s’arape nu sipario ‘e nuvole e sponta na gardenia ‘e luce ianca ca s’allarga… s’allarga… e po’, mpruvvisamente, comm’a dint’a nu fummo ‘e bengale, s’appiccia e se fa rossa. Doppo nu poco, na cuperta ‘e nuvole cummoglia ‘o rrusso cu nu grigio cupo. E’ l’Autunno, l’Autunno! Se sfronna ‘o cielo […]

Continua a leggere

CASA CAVALLO

Ogni volta sorridendouno solo è il pensiero nella sua testa.Uno solo, fatto di due parole:casa cavallo. Ilaria Iodice

Continua a leggere