Indomabile e indomata

È fatale che io debba vivere così, sempre in agitazione, in un’irrequietezza indescrivibile, assetata di desiderio, di mille desideri l’uno più strano ed alto dell’altro, dilaniata dall’amore, torturata dall’arte, pazza sognatrice che reco il cuore palpitante tra la folla impassibile, e cerco come per fatalità, in nuove cosetormenti nuovi, e vivo nel disordine, lavoro con […]

Continua a leggere

LUNTANANZA

‘O vvi’ sto ccà, screvenno, comm’a quanno screvevo l’ore sane affianco a tte e tu me suspirave, ricamanno: – Vuò bbene sulo a mme? ‘O vvi’ sto’ ccà, c’ ‘o stesso foglio ‘nmano, ‘o stesso penzaruso comm’a cché… e st’uocchie mieie guardano assaie luntano, forse senza vedé… E scrivo ancora, ‘o vvì? malincunie, suspire, vase, […]

Continua a leggere

Donata

Quando l’Amore lega indissolubilmente due esseri umani, la differenza d’età é un dettaglio che solo chi ha occhi aridi può scorgere.Io li ho visti insieme Tani e Donata.Fortunatamente non me ne sono mai accorta.

Continua a leggere

Vivere nel nostro sogno

Fu la prima volta che ti apristi a me. Il primo e ultimo scorcio su quella vita di cui io non sapevo nulla. Avrei voluto chiederti tante cose, riempirti di domande e poi di baci. Rassicurarti che quel sogno poteva non finire, che avresti potuto non svegliarti più, se solo mi avessi chiesto di restare […]

Continua a leggere

Kafka e la bambola viaggiatrice

A 40 anni Franz Kafka, che non si era mai sposato e non aveva figli, passeggiava per il parco di Berlino quando incontrò una bambina che piangeva perché aveva perso la sua bambola preferita. La bambina e Kafka cercarono la bambola senza successo. Kafka le propose di incontrarsi di nuovo lì il giorno dopo, per […]

Continua a leggere