OMBRA AMICA* di Giuseppe Carullo

Na macchia verde mmiez’’e carre scure
c’’a vita ‘e chi fatica fa cchiù doce.
Nu ‘mbrello ‘e fronne, ‘na vrancata ‘e sciure,
nu muorzo d’ombra quanno ‘o sole coce.
Nu poco ‘e villa, n’angolo ‘e ciardino
addò ‘na funtanella murmuléa,
n’auciello canta nu motivo fino
e n’arillo, capòteco, zerréa…
‘Nnanze a stu quadro, mmziez’a sta pittura,
‘na Croce t’arricorda a tutte ll’ore
‘o miracolo eterno d’’a natura
e te mette ‘a preghiera dint’’o core.
Dint’’a nuttata scenne n’Ombra, amica
‘e chi campanne onesto è cchiù felice.
‘O guarda ‘e spalle a st’ommo che fatica
e cu ‘na Mano Santa ‘o benedice.

Le stagioni del poeta, Giuseppe Carullo

*Scritta da mio padre nel lontano 1975, in occasione della cerimonia di installazione nella stazione ferroviaria di Napoli-Smistamento di un Crocefisso costruito simbolicamente con il ferro dei binari.

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...