Na fronna

Originally posted on ANTONELLA CARULLO:
Quanne sto ‘nnanze all’albero ‘e Natale veco int’’a fantasia n’albero antico cu na fronna sultanto ncopp’’e rame: na fronna sulamente ca resta llà, attaccata, pure si è vierno e ‘o viento scioscia forte. Me pare chistu core ca, mentre ogne anno passa e se ne va, pure si ‘o ssape…

Continua a leggere

CARDILLO

Nella Dinamo Partenope gioca Cardillo, un ragazzo pieno di talento, dal carattere spumeggiante e allegro; è impulsivo e ostenta una sicurezza circa le proprie capacità di calciatore che non lo rendono sempre simpatico a tutti.La voglia di sfondare e di poter alzare il tenore dell’esistenza sua e della propria umile famiglia, lo portano a fare scelte […]

Continua a leggere

Questo voleva dirgli

Quella mattina Cardillo l’aveva portata sul lungomare, a via Caracciolo. Stavano passeggiando lentamente, trascinati da un torrente di folla bramosa di riscaldarsi al tiepido sole di quella vigilia di Natale, quando lui cominciò a incalzarla. «Allora, Serenè? Ce staje penzanno ancora? Lo sai che se non esci da questo giro prima o poi quella merda […]

Continua a leggere

Memories

Inciampo nei vostri ricordi, sono come gli angoli delle porte. All’improvviso, nel buio di un giorno luminoso, ci sbatto i mignoli. Dolore cane.

Continua a leggere

“MAGGIO” di Ilaria Iodice

Originally posted on ANTONELLA CARULLO:
Maggio a Napoliè portare i passi stanchi nelle conversesu ogni basolo del decumanoancora una volta verso casain testa le facce della gentela mattinata azzurra come il solele cape di mortole parole dettele strade stretteil giallo scintillante del montele finiture barocchele monocromienomi di re nobili sconosciuti e anime purgantidavanti agli occhiil…

Continua a leggere