‘O quatt’ ‘e maggio

 E tenevo ‘na bella putechella
ch’avevo fatto tanto p’accurzá.
Soglia ‘e marmo, bancone musticella,
ce asceva chellu ppoco pe campá.
 
E avevo una bella bottega
che avevo fatto tanto per cominciare.
Soglia di marmo, bancone di legno,
ne ricavavo quel poco per vivere.
 
Vene ‘o padrone ‘e casa,
dice: “‘A mesata è poca.
Mettitece ‘a si-loca
e ‘un ne parlammo cchiù”.
 
Viene il padrone di casa
dice: “L’affitto è basso.
Metteteci il “fittasi”
e non ne parliamo più”.
 
E aggiu lassato chella putechella,
speranno ‘e ne truvá ‘n’ata cchiù bella.
 
E ho lasciato quella bottega,
sperando di trovarne un’altra più bella.
 
Core, fatte curaggio,
‘sta vita è ‘nu passaggio.
Facimmoncillo chistu quatto ‘e maggio,
che ce penzammo a fá,
si ‘o munno accussí va?
 
Cuore, fatti coraggio,
questa vita è un passaggio.
Facciamolo questo quattro di maggio,
che ci pensiamo a fare,
se il mondo va così?
 
E tenevo ‘na bella casarella
cu stanza ‘e lietto e cammera ‘e mangiá.
‘Na cucina, ‘nu muorzo ‘e luggetella,
nc’êvo fatto ‘o grillaggio pe ll’está.
 
E avevo una bella casetta
con stanza di letto e camera da pranzo.
Una cucina, un piccolo terrazzino,
ci avevo messo il pergolato per l’estate.
 
Arriva ll’esattore,
dice: “‘A mesata è poca.
Mettitece ‘a si-loca
e ‘un ne parlammo cchiù”.
 
Arriva l’esattore;
dice: “L’affitto è basso.
metteteci il “fittasi”
e non ne parliamo più”.
 
E aggio lassato chella casarella
speranno ‘e ne truvá ‘n’ata cchiù bella.
 
E ho lasciato quella casetta
sperando di trovarne un’altra più bella.
 
Core fatte curaggio,
‘sta vita è ‘nu passaggio.
Facimmoce ‘o sicondo quatt’ ‘e maggio,
che ce penzammo a fá,
si ‘o munno accussí va?
 
Cuore fatti coraggio,
questa vita è un passaggio
facciamoci il secondo quattro di maggio,
che ci pensiamo a fare,
se il mondo va così?
 
E tenevo ‘na bella ‘nnammurata
ch’avevo fatto tanto p’ ‘a ‘mpará.
Ma che saccio ched è, ll’hanno ‘nciuciata.
Nun è cchiù chella ch’era ‘n’anno fa.
 
E avevo una bella fidanzata
che avevo fatto tanto per istruire.
Ma che ne so io, l’hanno rovinata.
Non è più quella che era un anno fa.
 
Primma, ‘na rosa semplice,
mm’ ‘a faceva felice.
Mo vo’ ‘e brillante e dice
ca manco niente so’.
 
Prima, una rosa semplice,
me la faceva felice.
Ora vuole i brillanti e dice
che neanche niente sono.
 
E i’ lasso pur’a essa e bonasera
e mme ne trovo a ‘n’ata cchiù sincera.
 
E io lascio anche lei e buonasera
e me ne trovo un’altra più sincera.
 
Core, fatte curaggio,
‘sta vita è ‘nu passaggio.
Facímmoce chist’atu quatt’ ‘e maggio,
che ce penzammo a fá,
si ‘o munno accussí va?
Cuore fatti coraggio,
questa vita è un passaggio
facciamoci quest’altro quattro di maggio,
che ci pensiamo a fare,
se il mondo così va?
Armando Gill, 1918

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...