Chi ama non dimentica – La recensione di Un libro sul menù

Diceva Beniamino Placido, giornalista e critico, che non siamo noi lettori a leggere un libro ma “sono i libri che leggono noi. Ci conoscono, anche se sono stati scritti cent’anni fa. Ci scrutano dentro. Ci rivelano”. Credo che questo sia stato per me proprio uno di quei casi. Mi auguro di trasmettervi al meglio l’esperienza […]

Continua a leggere

DINT’ ‘O SCURO

Nuttata da na fella ‘e luna tagliata. Ma nun s’arape nu spiraglio dint’ ‘o scuro ‘e sta freve. Nun c’è luce pe’ nu sbaglio, dint’a sta nuttata blu. Giuseppe Carullo, Poesie (edizioni Unione Napoletana Autori, 1971)

Continua a leggere

LUNTANANZA

‘O vvi’ sto ccà, screvenno, comm’a quanno screvevo l’ore sane affianco a tte e tu me suspirave, ricamanno: – Vuò bbene sulo a mme? ‘O vvi’ sto’ ccà, c’ ‘o stesso foglio ‘nmano, ‘o stesso penzaruso comm’a cché… e st’uocchie mieie guardano assaie luntano, forse senza vedé… E scrivo ancora, ‘o vvì? malincunie, suspire, vase, […]

Continua a leggere

‘O MURATORE

Na rota ‘e folla. ‘O nniro d’ ‘o tturreno ncopp’ ‘o ggriggio d’ ‘ a faccia. ‘O sanghe ha fermato ‘o sudore, russo ncopp’ ‘o gghianco d’ ‘a càvice. E nisciuno pavarrà p’ ‘a famme e pe ‘o dulore d’ ‘e figlie! Giuseppe Carullo, Poesie (edizioni Unione Napoletana Autori, 1971

Continua a leggere

‘O quatt’ ‘e maggio

 E tenevo ‘na bella putechellach’avevo fatto tanto p’accurzá.Soglia ‘e marmo, bancone musticella,ce asceva chellu ppoco pe campá.  E avevo una bella bottegache avevo fatto tanto per cominciare.Soglia di marmo, bancone di legno,ne ricavavo quel poco per vivere.  Vene ‘o padrone ‘e casa,dice: “‘A mesata è poca.Mettitece ‘a si-locae ‘un ne parlammo cchiù”.  Viene il padrone […]

Continua a leggere