SETTEMBRE, ‘NA VOTA

ANTONELLA CARULLO

Settembre ‘na vota

era nu mese ‘e canzone.

‘E siscavano’e viche,

‘e suspiravano ‘e strade,

saglievano ‘a nu vascio,

scennevano ‘a nu balcone.

‘E notte napulitane adduravano

d’uva e ffiche ammature,

erano rosse ‘e mellone.

‘A ‘e chitarre d’’e serenate

rispunnevano ‘e manduline d’’e pustiggiatore,

e pianefforte d’’e “ssuarè”.

Margellina pe’ ‘na nuttata

addeventava palcuscenico

p’’o popolo-attore,

p’’e carre ‘e cartapesta:

sirene e scugliere,

prete ‘e carta e culure,

pezzulle ‘e Napule,

ca se cunnuliavano ‘ncopp’a folla.

Nastre ‘e stelle filante

‘nturcigliavano p’’e core semplice

suonne ‘e cartavelina.

E attuorno se spanneva

‘o strillo d’’e ttrumbette,

l’eco d’’e putipù.

Settembre, ‘na vota

era nu mese ‘e canzone.

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

View original post

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...