SETTEMBRE, ‘NA VOTA

Settembre ‘na vota

era nu mese ‘e canzone.

‘E siscavano’e viche,

‘e suspiravano ‘e strade,

saglievano ‘a nu vascio,

scennevano ‘a nu balcone.

‘E notte napulitane adduravano

d’uva e ffiche ammature,

erano rosse ‘e mellone.

‘A ‘e chitarre d’’e serenate

rispunnevano ‘e manduline d’’e pustiggiatore,

e pianefforte d’’e “ssuarè”.

Margellina pe’ ‘na nuttata

addeventava palcuscenico

p’’o popolo-attore,

p’’e carre ‘e cartapesta:

sirene e scugliere,

prete ‘e carta e culure,

pezzulle ‘e Napule,

ca se cunnuliavano ‘ncopp’a folla.

Nastre ‘e stelle filante

‘nturcigliavano p’’e core semplice

suonne ‘e cartavelina.

E attuorno se spanneva

‘o strillo d’’e ttrumbette,

l’eco d’’e putipù.

Settembre, ‘na vota

era nu mese ‘e canzone.

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...