DESIDERIO di Giuseppe Carullo

Nun te saccio, ma te veco.

Nun t’aspetto, ma te sonno.

Nun me siente, ma te chiammo.

Te chiammo,

mo ca Giugno

pògne ncopp’’a pelle,

trase dint’’a carne,

 e ‘o sole còce

comme còceno ‘e vvéne.

Stu penziero ‘e te,

stu desiderio ‘e te

è comm’a n’alba d’està

ca pitta, pe’ miracolo,

nu cielo ‘e vierno.

Forse, è stu mese ‘e Giugno

profumato ‘e fravule

c’appiccia ‘e sense

comm’’o ffuoco d’’e garofane.

Giuseppe Carullo, Nustalgia

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...