DINT’ ‘O SCURO

Nuttata da na fella ‘e luna tagliata. Ma nun s’arape nu spiraglio dint’ ‘o scuro ‘e sta freve. Nun c’è luce pe’ nu sbaglio, dint’a sta nuttata blu. Giuseppe Carullo, Poesie (edizioni Unione Napoletana Autori, 1971)

Continua a leggere

LUNTANANZA

‘O vvi’ sto ccà, screvenno, comm’a quanno screvevo l’ore sane affianco a tte e tu me suspirave, ricamanno: – Vuò bbene sulo a mme? ‘O vvi’ sto’ ccà, c’ ‘o stesso foglio ‘nmano, ‘o stesso penzaruso comm’a cché… e st’uocchie mieie guardano assaie luntano, forse senza vedé… E scrivo ancora, ‘o vvì? malincunie, suspire, vase, […]

Continua a leggere

Lacrime napulitane

E’ Primmavera o nun è Primmavera? Nun se sente p’’e strade “Bellu sciore…” Chesta jurnata scura cchiù d’’a sera n’alba ‘e tristezza ha miso dint’’o core. Nun saglie a voce: “ ‘E ffravule ‘e ciardino!” ‘O pianino nun sona “Quanta rose”! Pare ca tutto dorme a ssuonno chino, pare ca songhe ‘e neve tutt’’e ccose. […]

Continua a leggere

‘O MURATORE

Na rota ‘e folla. ‘O nniro d’ ‘o tturreno ncopp’ ‘o ggriggio d’ ‘ a faccia. ‘O sanghe ha fermato ‘o sudore, russo ncopp’ ‘o gghianco d’ ‘a càvice. E nisciuno pavarrà p’ ‘a famme e pe ‘o dulore d’ ‘e figlie! Giuseppe Carullo, Poesie (edizioni Unione Napoletana Autori, 1971

Continua a leggere

Maggio

Ncopp’a nu balcone ‘e fronne, dint’ a nu silenzio ‘e rose, me parla tutto’ nzieme nu penziero. E Maggio – suspiro verde d’ ‘a Primmavera – cunnuleia chianu chiano ‘a stanchezza ‘e stu core, c’ ‘ o riturnello antico ‘e na canzone, c’ ‘ a voce, malinconica e doce, ‘e na campana. Giuseppe Carullo

Continua a leggere