Maggio

Ncopp’a nu balcone ‘e fronne, dint’ a nu silenzio ‘e rose, me parla tutto’ nzieme nu penziero. E Maggio – suspiro verde d’ ‘a Primmavera – cunnuleia chianu chiano ‘a stanchezza ‘e stu core, c’ ‘ o riturnello antico ‘e na canzone, c’ ‘ a voce, malinconica e doce, ‘e na campana. Giuseppe Carullo

Continua a leggere

Penziere

Penziere mieje, levàteve sti panne, stracciàtev’ ‘a cammisa, e ascite annuro. Si nun tenite n’abito sicuro, tanta vestite che n’avit’ ‘a fa? Menàteve spugliate mmiez’ ‘a via, e si facite folla, cammenate. Si sentite strillà, nun ve fermate: nu penziero spugliato ‘a folla fa. Currite ncopp’ ‘a cimma ‘e na muntagna, e quanno ‘e piede […]

Continua a leggere

LACREME ‘E CUCCUDRILLE

Stordita e angosciata per la guerra che si combattendo sul territorio ucraino, ripropongo questa poesia scritta da mio padre. Tristemente attuale. ‘O munno: globo ‘e malvagità, casa ‘e Caino, marciappiere dint’’all’immensità addo’ frate e frate se stracciano ‘e ccarne, addò, pe’ ll’oro o p’ ‘e sense, ‘a Morte – rossa ‘e sanghe, o grigia ‘e […]

Continua a leggere

ANNO NUOVO di Giuseppe Carullo

Na vota Gennaio m’era amico, me purtava nu desiderio nuovo dint’ ‘a nu suonno antico, na frennesia lucente ‘ncopp’ ‘a ddoie labbra rosa. Mò, Gennaio, è pe mme ‘o primmo grano ‘e nu rusario ‘e penziere, ianco e friddo comm’ ‘a n’acquasantiera, e ‘mmita a pregà stu core ca spisso sbaréa. Giuseppe Carullo, Nustalgia

Continua a leggere