Furtuna

M’hè regalato nu suonno pe’ te fa’ penzà, parole nove pe’ te fa’ chiammà, suspire annascuse pe’ te fa’ aspettà. Giuseppe Carullo, 1953

Continua a leggere

TRAMONTO

Ah, comm’è triste sta chitarra mia, mo ca sta abbandunata ‘nfaccia ‘o muro. Mo ca pe’ mme tutt’è malincunia e l’uocchie sò lucente e ‘o core è scuro. Guardo stu sole che tramonta, ‘o sole che more lentamente. E penzo a tte, Bene passato, e cerco ddoie parole pe’ na poesia ca te parlasse ‘e […]

Continua a leggere

DINT’ ‘O SCURO

Nuttata da na fella ‘e luna tagliata. Ma nun s’arape nu spiraglio dint’ ‘o scuro ‘e sta freve. Nun c’è luce pe’ nu sbaglio, dint’a sta nuttata blu. Giuseppe Carullo, Poesie (edizioni Unione Napoletana Autori, 1971)

Continua a leggere

LUNTANANZA

‘O vvi’ sto ccà, screvenno, comm’a quanno screvevo l’ore sane affianco a tte e tu me suspirave, ricamanno: – Vuò bbene sulo a mme? ‘O vvi’ sto’ ccà, c’ ‘o stesso foglio ‘nmano, ‘o stesso penzaruso comm’a cché… e st’uocchie mieie guardano assaie luntano, forse senza vedé… E scrivo ancora, ‘o vvì? malincunie, suspire, vase, […]

Continua a leggere

Lacrime napulitane

E’ Primmavera o nun è Primmavera? Nun se sente p’’e strade “Bellu sciore…” Chesta jurnata scura cchiù d’’a sera n’alba ‘e tristezza ha miso dint’’o core. Nun saglie a voce: “ ‘E ffravule ‘e ciardino!” ‘O pianino nun sona “Quanta rose”! Pare ca tutto dorme a ssuonno chino, pare ca songhe ‘e neve tutt’’e ccose. […]

Continua a leggere