Maggio

Ncopp’a nu balcone ‘e fronne, dint’ a nu silenzio ‘e rose, me parla tutto’ nzieme nu penziero. E Maggio – suspiro verde d’ ‘a Primmavera – cunnuleia chianu chiano ‘a stanchezza ‘e stu core, c’ ‘ o riturnello antico ‘e na canzone, c’ ‘ a voce, malinconica e doce, ‘e na campana. Giuseppe Carullo

Continua a leggere

Penziere

Penziere mieje, levàteve sti panne, stracciàtev’ ‘a cammisa, e ascite annuro. Si nun tenite n’abito sicuro, tanta vestite che n’avit’ ‘a fa? Menàteve spugliate mmiez’ ‘a via, e si facite folla, cammenate. Si sentite strillà, nun ve fermate: nu penziero spugliato ‘a folla fa. Currite ncopp’ ‘a cimma ‘e na muntagna, e quanno ‘e piede […]

Continua a leggere

Oltre i muri opachi della vita

I miei passi tornano sopra il molle dei prati a calpestare il velluto effimerodella primavera.Le mie dita stringono indecise il filo dell’aquilone dei sogni di cartavelina.Eppure i miei occhi sanno che oltre i muri opachi della vita v’é la luce infinita del cielo. Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Continua a leggere

LACREME ‘E CUCCUDRILLE

Stordita e angosciata per la guerra che si combattendo sul territorio ucraino, ripropongo questa poesia scritta da mio padre. Tristemente attuale. ‘O munno: globo ‘e malvagità, casa ‘e Caino, marciappiere dint’’all’immensità addo’ frate e frate se stracciano ‘e ccarne, addò, pe’ ll’oro o p’ ‘e sense, ‘a Morte – rossa ‘e sanghe, o grigia ‘e […]

Continua a leggere

MALINCONICO ABBRILE

Comme so’ triste sti ghiurnate senza sole. Comme so’ fredde sti serate senz’ ‘e te! Chiove… Chest’acqua fa murì tutt’ ‘e vviole… e se ne more na speranza mpiett’a mme. M’aggio sunnato nu ciardino chino ‘e rose. Me so’ scetato… ‘e spine so’ rimaste a mme. Vicino a ‘e llastre da fenesta, fredde e nfose, […]

Continua a leggere