Vulesse ancora

Stasera

vulesse pruvà ancora,

n’ata vota ancora,

‘a stessa gioia ca pruvavo

tantu tiempo fa,

quanno ancora

tutte quante ‘nzieme

aspettavamo ‘a mezzanotte,

pe brindà a ll’anno nuovo.

E po’ vulesse vedé ancora

a papà,

assettato ncopp ‘a pultrona, appicciarse na sigaretta

e calmo calmo

cummentà ‘o discorso

d’o Presidente

cu Carmine,

‘o figlio suojo prediletto.

Sarebbe nu miraculo,

nu suonno troppo bello,

sentì ancora dint’e recchie

‘a voce lloro.

Ma sì succedesse ancora,

stavota è sicuro

ca nun me distraesse – comme facevo quann’ero piccerella –

ma me sucasse ogni parola

comm’a na caramella doce,

o comm’a nu struffolo

‘e chilli bbuone e sapurite,

ca sulo mammà sapeva fà.

Antonella Carullo, Nustalgia

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...