Penziere

Penziere mieje, levàteve sti panne, stracciàtev’ ‘a cammisa, e ascite annuro. Si nun tenite n’abito sicuro, tanta vestite che n’avit’ ‘a fa? Menàteve spugliate mmiez’ ‘a via, e si facite folla, cammenate. Si sentite strillà, nun ve fermate: nu penziero spugliato ‘a folla fa. Currite ncopp’ ‘a cimma ‘e na muntagna, e quanno ‘e piede […]

Continua a leggere

GIORNATA DELLA MEMORIA E DELL’IMPEGNO IN RICORDO DELLE VITTIME INNOCENTI DELLE MAFIE

Voglio celebrare questa giornata con i versi di Peppino Impastato, una delle tantissime vittime che la mafia ha fatto nel nostro paese, ricordando che oggi è anche la giornata mondiale della poesia. E venne da noi un adolescentedagli occhi trasparentie dalle labbra carnose,alla nostra giovinezzaconsunta nel paese e nei bordelli.Non disse una sola parolané fece […]

Continua a leggere

DILLO A ME

Non nascondereil segreto del tuo cuore,amico mio!Dillo a me, solo a me,in confidenza.Tu che sorridicosì gentilmente,dimmelo piano,il mio cuore lo ascolterà,non le mie orecchie.La notte è profonda,la casa silenziosa,i nidi degli uccellitacciono nel sonno.Rivelami tra le lacrime esitanti,tra sorrisi tremanti,tra dolore e dolce vergogna,il segreto del tuo cuore. R. Tagore

Continua a leggere

TU

M’hè regalato nu suonno pe’ te fa’ penzà, parole nove pe’ te fà chiammà, suspire annascuse pe’ te fà aspettà, e na vranca ‘e spine pe’ te fà desiderà. Giuseppe Carullo

Continua a leggere

Vulesse ancora

Stasera vulesse pruvà ancora, n’ata vota ancora, ‘a stessa gioia ca pruvavo tantu tiempo fa, quanno ancora tutte quante ‘nzieme aspettavamo ‘a mezzanotte, pe brindà a ll’anno nuovo. E po’ vulesse vedé ancora a papà, assettato ncopp ‘a pultrona, appicciarse na sigaretta e calmo calmo cummentà ‘o discorso d’o Presidente cu Carmine, ‘o figlio suojo […]

Continua a leggere