IL PRESIDENTE

Il Presidente rientrò alla villa che erano passate da poco le due di notte. Quella sera era stato particolarmente sfortunato: tutte le volte che gli erano uscite carte buone e aveva rilanciato, c’era stato sempre qualcuno che lo aveva seguito e lo aveva battuto con combinazioni migliori. L’ultima mano poi era stata clamorosa. L’ingegner Orabona, che di solito non vinceva mai, aveva avuto una fortuna esagerata. Si era complimentato con il vecchio socio e senza battere ciglio, senza tradire alcuna emozione, aveva staccato un assegno di tremila euro. Non dovrei giocare più. Le serate come queste non le sopporto. Ho perso più di diecimila euro! Però la settimana scorsa ho vinto. Evidentemente è vero… alla fine la fortuna va e viene. Questi pensieri lo accompagnarono fino alla porta d’ingresso della villa: un’ombra nell’oscurità.


Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...