You, poetry

Fleeting lover, loving and capricious, honest and dissolute, happy and melancholic. Difficult to satisfy easy senses. Hard and light chain. Reality and miracle. Denial and consent. You, poetry. Writed by my father, Giuseppe Carullo

Continua a leggere

Lacrime napulitane

E’ Primmavera o nun è Primmavera? Nun se sente p’’e strade “Bellu sciore…” Chesta jurnata scura cchiù d’’a sera n’alba ‘e tristezza ha miso dint’’o core. Nun saglie a voce: “ ‘E ffravule ‘e ciardino!” ‘O pianino nun sona “Quanta rose”! Pare ca tutto dorme a ssuonno chino, pare ca songhe ‘e neve tutt’’e ccose. […]

Continua a leggere

Maggio

Ncopp’a nu balcone ‘e fronne, dint’ a nu silenzio ‘e rose, me parla tutto’ nzieme nu penziero. E Maggio – suspiro verde d’ ‘a Primmavera – cunnuleia chianu chiano ‘a stanchezza ‘e stu core, c’ ‘ o riturnello antico ‘e na canzone, c’ ‘ a voce, malinconica e doce, ‘e na campana. Giuseppe Carullo

Continua a leggere

Oltre i muri opachi della vita

I miei passi tornano sopra il molle dei prati a calpestare il velluto effimerodella primavera.Le mie dita stringono indecise il filo dell’aquilone dei sogni di cartavelina.Eppure i miei occhi sanno che oltre i muri opachi della vita v’é la luce infinita del cielo. Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Continua a leggere

CHITARRA MIA

Chitarra mia, chitarra d’’e ricorde, chitarra ‘e cuncertine e serenate, tu tiene ancora tutte quante ‘e ccorde, vecchia cumpagnia mia, bone accurdate. Ma appena ca t’accosto ncopp’’o core, appena ca t’astregno mpiett’a mme e voglio cantà ancora ammore, ammore, comm’a na vota, mo chi sa pecchè pare ca pure tu te sì cagnata. ‘O suono […]

Continua a leggere