SENZA PIETRE NON C’È ARCO

Ieri sera, mentre aspettavo l’ascensore, guardando le colonne del mio palazzo mi è tornato in mente questo passaggio delle “Città invisibili” di Italo Calvino. È il caso di ripassare la lezione. Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.– Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? – chiede Kublai Kan.– Il ponte non […]

Continua a leggere

PAURA DEI SOGNI

Tu hai paura del potere dell’immaginazione. E ancora di più, hai paura dei sogni. Hai paura della responsabilità che potrebbe cominciare nei sogni. Però non puoi evitare di dormire, e se dormi, i sogni verranno. Quando sei sveglio, puoi anche riuscire a controllare l’immaginazione. Ma non puoi mettere a tacere i sogni.Murakami

Continua a leggere

Perché questo titolo?

Presi l’involucro dalle sue mani. Lo aprii. C’era un manoscritto… no, non era scritto a mano, ma al computer. Più di duecento pagine dal titolo: CHI AMA NON DIMENTICA. Gli chiesi perché l’avesse intitolato così. Lui sorrise contento per quella domanda. Mi ricordò che quella era stata la dedica di Cardillo a Serena, nell’ultima partita. […]

Continua a leggere

Occhi belli

Capitava che la vedesse attraversare piazza San Gaetano di corsa, parlando a telefono diretta al bar per il caffè avrebbe voluto parlarle sentire quella voce dire cose solo per lui avere il verde di quegli occhi attenti dentro i suoi – ma lei solo gli sorrideva sempre a passo svelto senza parlare mai. Il decumano […]

Continua a leggere

‘O miracolo

Famme murì cuntento… levami la collanina che ho al collo e mettitela addosso! ‘A Maronna d’o Carmene ti proteggerà. Mò… ce lo dico io, appena ‘a veco, appena ‘a veco… Nel vederlo spirare, il cuore di Carmine cominciò a battere all’impazzata. Rimase impietrito, con lo sguardo fisso nel vuoto. Poi si scosse. Lo baciò sulla […]

Continua a leggere