Vivere nel nostro sogno

Fu la prima volta che ti apristi a me. Il primo e ultimo scorcio su quella vita di cui io non sapevo nulla. Avrei voluto chiederti tante cose, riempirti di domande e poi di baci. Rassicurarti che quel sogno poteva non finire, che avresti potuto non svegliarti più, se solo mi avessi chiesto di restare […]

Continua a leggere

Questo voleva dirgli

Quella mattina Cardillo l’aveva portata sul lungomare, a via Caracciolo. Stavano passeggiando lentamente, trascinati da un torrente di folla bramosa di riscaldarsi al tiepido sole di quella vigilia di Natale, quando lui cominciò a incalzarla. «Allora, Serenè? Ce staje penzanno ancora? Lo sai che se non esci da questo giro prima o poi quella merda […]

Continua a leggere

L’isola dei senza memoria

Anche il cuore più devastato dal vuoto, tenta evidentemente di sentire qualcosa  L’isola dei senza memoria di Yoko Ogawa, ha una trama che solo a leggerla scatena un’ondata di entusiasmo non indifferente. Su un’isola imprecisato la vita degli abitanti è scandita dalle sparizioni: alcune mattine essi si svegliano e scoprono che il ricordo di qualcosa […]

Continua a leggere

Ascolta la canzone del vento

Parlare di una persona morta è tremendamente difficile, ma a maggior ragione lo è se la persona in questione è morta giovane. Perché a causa della sua morte precoce resterà giovane per sempre. Mentre noi che siamo rimasti, anno dopo anno, mese dopo mese, giorno dopo giorno andiamo invecchiando. A volte mi sembra di invecchiare […]

Continua a leggere

L’ASSENZA

L’assenza non è un concetto astratto. Sbaglia chi pensa si tratti solo dell’ostinata sopravvivenza di un ricordo evanescente. L’assenza ha una propria dimensione fisica, è qualcosa di tangibile che arriva ai sensi. A volte si nasconde nella fragranza di un profumo rimasta imprigionata in un armadio vuoto, altre volte rimane impressa su un cuscino e […]

Continua a leggere