LACREME ‘E CUCCUDRILLE

Stordita e angosciata per la guerra che si combattendo sul territorio ucraino, ripropongo questa poesia scritta da mio padre. Tristemente attuale. ‘O munno: globo ‘e malvagità, casa ‘e Caino, marciappiere dint’’all’immensità addo’ frate e frate se stracciano ‘e ccarne, addò, pe’ ll’oro o p’ ‘e sense, ‘a Morte – rossa ‘e sanghe, o grigia ‘e […]

Continua a leggere

ANNO NUOVO di Giuseppe Carullo

Na vota Gennaio m’era amico, me purtava nu desiderio nuovo dint’ ‘a nu suonno antico, na frennesia lucente ‘ncopp’ ‘a ddoie labbra rosa. Mò, Gennaio, è pe mme ‘o primmo grano ‘e nu rusario ‘e penziere, ianco e friddo comm’ ‘a n’acquasantiera, e ‘mmita a pregà stu core ca spisso sbaréa. Giuseppe Carullo, Nustalgia

Continua a leggere

TU

M’hè regalato nu suonno pe’ te fa’ penzà, parole nove pe’ te fà chiammà, suspire annascuse pe’ te fà aspettà, e na vranca ‘e spine pe’ te fà desiderà. Giuseppe Carullo

Continua a leggere

BUON NATALE di Giuseppe Carullo

Sta trasenno Natale. Già p’’e strate saglie n’addore’e ‘ncienzo e mandarino. ‘E zampugnare songo già calate da ‘e terre d’’o Ciliento e d’Avellino. Nu guaglione s’accatta nu Bammino… e cchiù astrignute vanno ‘e nnammurate. Ma tu chist’anno nun me staie vicino: pe’ na buscia ce simmo appiccecate. Trase Natale. Stanno appriparate già tutt’’e bancarelle cu […]

Continua a leggere

SAPUNARO

Robba vecchia ca pe’ sazià doie vocche iesce ‘a na casa e trase dint’a n’ata ca nun po’ accattà robba nova. Giuseppe Carullo

Continua a leggere