“Lacreme napulitane” di Giuseppe Carullo

In memoria di Libero Bovio

E’ Primmavera o nun è Primmavera?

Nun se sente p’’e strade: “Bellu sciore

Chesta jurnata scura cchiù d’’a sera

n’alba ‘e tristezza ha miso dint’’o core.

Nun saglie a voce: “’E ffravule ‘e ciardino”,

‘o pianino nun sona: “Quanta rose”,

pare ca tutto dorme a ssuonno chino,

pare ca songhe ‘e neve tutt’’e ccose.

Comm’a na vota ‘ncopp’’addu “Pallino”,

nisciuna mano ‘e ccorde vò tentà,

‘a pusteggia s’astipa ‘o mandulino:

ogge ‘e vvocche nun sanno cchiù cantà.

Cchiù cupo e niro è addeventato ‘o mare,

‘e varchette scuntente nun so asciute,

a Pusilleco tutt’e marenare

se fanno ‘a croce, pallide e avvelute.

E chiagneno ‘e mmaeste d’’o Mercato,

chiagneno ‘e guappe ‘e vascio ‘a Sanità:

“sanghe de ddiece! E’ muorto ‘on Liberato!

E mò ‘a Canzone comme fa a campà?”

Giuseppe Carullo, Le stagioni del Poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...