LACREME ‘E CUCCUDRILLE

Stordita e angosciata per la guerra che si combattendo sul territorio ucraino, ripropongo questa poesia scritta da mio padre.

Tristemente attuale.

‘O munno: globo ‘e malvagità, casa ‘e Caino,

marciappiere dint’’all’immensità

addo’ frate e frate

se stracciano ‘e ccarne,

addò, pe’ ll’oro o p’ ‘e sense,

‘a Morte – rossa ‘e sanghe,

o grigia ‘e sabbia, o nera ‘e fango –

se mette scuorno d’essa stessa, ‘a Morte.

‘O munno, l’umanità, nuie:

‘a mano ca stuta l’urdema parola,

‘a corda ca stregne l’urdemo respiro,

‘a lama ca spezza l’urdema speranza.

E chiagnimmo!

P’’e vvocche giovane

ca nun teneno cchiù strille,

chiagne l’umanità.

Na pioggia ‘e lacreme,

nu sciummo ‘e lacreme…

lacreme ‘e cuccudrille.

Giuseppe Carullo

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...