Lacrime napulitane

E’ Primmavera

o nun è Primmavera?

Nun se sente p’’e strade “Bellu sciore…”

Chesta jurnata scura

cchiù d’’a sera

n’alba ‘e tristezza

ha miso dint’’o core.

Nun saglie a voce:

“ ‘E ffravule ‘e ciardino!”

‘O pianino nun sona “Quanta rose”!

Pare ca tutto dorme

a ssuonno chino,

pare ca songhe ‘e neve tutt’’e ccose.

Comm’a na vota ‘ncopp’’addu “Pallino”, nisciuna mano

‘e ccorde vò tentà,

‘a pusteggia

s’astipa ‘o mandulino,

ogge ‘e vvocche

nun sanno cchiù cantà.

Cchiù cupo e niro

è addeventato ‘o mare,

‘e vvarchette scuntente

nun so asciute.

A Pusilleco tutt’e marenare se fanno ‘a Croce,

pallide e avvelute.

E chiagneno

‘e mmaeste d’’o Mercato, chiagneno

‘e guappe ‘e vascio ‘a Sanità. – Sanghe de ddiece!

E’ muorto ‘on Liberato!

E mò ‘a Canzone

comme fa a campà?!

Giuseppe Carullo, in ricordo di Libero Bovio scomparso a Napoli il 26 maggio 1942

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...