UTTOMBRE

Alba d’uttombre.

Miez’’o cielo opaco s’arape

nu sipario ‘e nuvole

e sponta na gardenia ‘e luce ianca

ca s’allarga… s’allarga…

e po’, mpruvvisamente,

comm’a dint’a nu fummo ‘e bengale,

s’appiccia e se fa rossa.

Doppo nu poco, na cuperta ‘e nuvole

cummoglia ‘o rrusso cu nu grigio cupo.

E’ l’Autunno, l’Autunno!

Se sfronna ‘o cielo a gocce a gocce,

comm’a na vigna gialla e sulitaria

se sfronna chianu chiano.

So’ llacreme o so’ fronne

che volano pe’ ll’aria,

e doppo cadeno

ncopp’’a strada sulagna,

cchiù triste e scura

‘e sta matina ‘e nebbia?

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...