Questo voleva dirgli

Quella mattina Cardillo l’aveva portata sul lungomare, a via Caracciolo. Stavano passeggiando lentamente, trascinati da un torrente di folla bramosa di riscaldarsi al tiepido sole di quella vigilia di Natale, quando lui cominciò a incalzarla.

«Allora, Serenè? Ce staje penzanno ancora? Lo sai che se non esci da questo giro prima o poi quella merda che ti prendi ti ucciderà? Guardati! Ti sei ridotta male!»

Lei lo ascoltò in silenzio, senza trovare il coraggio di replicare. Voleva dirgli che aveva bisogno della droga perché le accendeva il cervello, mentre la vita normale la spegne. Voleva dirgli che non aveva più l’energia per ricominciare una nuova esistenza. Che lei lo sapeva che sarebbe stata una lotta contro l’impossibile. Che quei buchi le avevano perforato irrimediabilmente l’anima.

Questo voleva dirgli, ma d’un tratto un raggio di sole le abbagliò gli occhi. Sollevò lo sguardo verso il cielo. Forse stava delirando, ma volle convincersi che sì, quello era proprio Dio, che le stava dando un segno.

(da “Chi ama non dimentica”, di Antonella Carullo)

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...