Vita

Vacante

comm’a n’amante

doppo na notte d’ammore.

Busciarda

comm’a felicità,

vernice d’’o dolore.

Vita.

T’aggio curruto appriesso,

speranze ncopp’a speranze,

p’avè ‘npont’’o curtiell d’’e llacreme

nu poco ‘e miele.

E mò te ne vaie,

me lasse accussì.

Mò ca te stevo

accummincianno a capì.

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...