CHITARRA MIA

Chitarra mia, chitarra d’’e ricorde,

chitarra ‘e cuncertine e serenate,

tu tiene ancora tutte quante ‘e ccorde,

vecchia cumpagnia mia, bone accurdate.

Ma appena ca t’accosto ncopp’’o core,

appena ca t’astregno mpiett’a mme

e voglio cantà ancora ammore, ammore,

comm’a na vota, mo chi sa pecchè

pare ca pure tu te sì cagnata.

‘O suono tuio nun va d’accordo cchiù

cu ‘a voce mia… pare comme fusse n’ata…

pare che m’hè traduto pure tu!

Chitarra ca si’ ‘nnata scetacore

te sì addermuta; nun vuò cchiù sunà…

O forse, io ca so’ nato cantatore,

songh’io… songh’io…

ca nun saccio cchiù cantà?

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...