Perché questo titolo?

Presi l’involucro dalle sue mani. Lo aprii. C’era un manoscritto… no, non era scritto a mano, ma al computer. Più di duecento pagine dal titolo: CHI AMA NON DIMENTICA. Gli chiesi perché l’avesse intitolato così. Lui sorrise contento per quella domanda. Mi ricordò che quella era stata la dedica di Cardillo a Serena, nell’ultima partita. Il giovane calciatore aveva ripreso un motto che in passato, e pure in quel momento, si utilizzava per sottolineare che chi ama, anche se passa il tempo, non dimentica chi si è reso protagonista di grandi passioni.

Poi continuò, e stavolta un velo di tristezza gli passò negli occhi. “Mi sembra il titolo giusto per le nostre storie. È un auspicio, spero proprio che chi ci ama non dimentichi mai che tutto quello che si narra nel romanzo lo abbiamo fatto solo perché trasportati da un grande amore! Sono le vicende di tre persone che certamente non potranno mai essere indicate come un esempio da seguire. Tre uomini che hanno mentito, che hanno avuto una doppia vita. Ma sono pure le stesse persone che quando è venuto il momento di doversi assumere le proprie responsabilità, quando il passato è venuto a chiedere il conto, l’hanno fatto, sopportandone le conseguenze.”

Estratto dal romanzo “Chi ama non dimentica” di Antonella Carullo

Immagine disegnata dal maestro Fabrizio Fiorentino

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...