MARZO di Giuseppe Carullo

Se spanne pe’ ll’aria celeste

l’addore d’oro d”e bignè (pampuglie ‘e pastafrolla)

e se mmesca c”o profumo giallo d”e mimose.

Po’ ‘o cielo ‘mpruvvisamente se tégne ‘e grigio

e dint”a n’aria ‘e nuvole

‘a freddezza tagliente ‘e nu lampo

sceta nu suspiro ‘e viento

ca smove l’urdeme fronne cadute.

Comm”e ricorde

ca tutto ‘mzieme ruciuléano pe dint”o core.

Mò chiaro, mò scuro.

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...