‘O POETA

L’Ente Supremo, ch’è persona ‘e spirito,

nu iuorno penza ‘e se vulè spassà:

scioscia nu poco d’aria e fa nu microbo

per il flagello dell’umanità.

Crea nu ‘nguacchiacarte  e, cosa comica,

piglia e lle mette ‘ncapo ‘e verseggià.

(Ma ce penzate vuie che ppò succedere

sott’a na fissazione ‘e chesta ccà?)

Le dà na penna ‘mmano a stu maniaco,

senza tenè pe’ nuie n’ombra ‘e pietà,

e po’, mustranno nu vocabolario,

le dice: “’E chisto maie t’adda ‘mpurtà”.

Che fa si nun canusce ‘a rima e ‘a metrica?

Si ‘o verso è “zuoppo” e “debule”, che fa?

Scrive chello che vuò, scrive e convincete

ca comm’a tte nisciuno ce po’ stà”.

Nasce accussì ‘o poeta, chistu tizio

ca, perdenno ‘o pudore e ‘a serietà,

corre dint’’e salotte e ‘e radio libere

e a fforza ‘e vierse suoie ti a sceruppà.

Ce vularria surtanto ‘o manicomio…

ma mo ca ‘e pazze stanno in libertà,

si chisto addò sta l’Arte vò stà ‘ntridece

l’Arte fa nu pernacchio… e se ne va.

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Un pensiero riguardo “‘O POETA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...