‘O VICO di Giuseppe Carullo

‘O VICO

Na faccia nera dint”e capille,
appesa a nu vascio
e na vocca rossa 
ca stenne nu strillo:
guagliòooo….

Palazze ‘e ciente e cient’anne
ca quase se vasano,
addò ‘o tiempo, passanno, 
se porta ogni tanto na preta.

Palazze addò ogni purtone
abbraccia nu suonno,
astipa nu ricordo, 
e a ciente e cient’anne
ogni sera 
appripara ‘int”o scuro
‘o stesso angolo ‘e muro
pe ffà azzeccà ddoie vocche,
‘a stessa ringhiera 
pe ffà appuià ddoie spalle.

Aizanno l’uocchie se ‘ncontra
na striscia ‘e cielo
addò s’andivina ‘o sole.

‘E panne spase,
da balcone a balcone,
cercano ‘a carità 
‘e nu sciato ‘è viento.

A na corda, ‘e llenzole
quase ianche,
che sanno comme songhe pesante
‘e cuorpe stanche, 
aspettano ‘e se stennere…

All’intrasatto, ‘o vico
s’affolla, se fa ‘e tutt”e culure.
Culure ‘e femmene,
braccia e braccia pe ll’aria
tremmano ‘a dint”e vveste
rosse, gialle, viola….
e na vocca,
ddoie vocche,
tre vocche,
diceno… maleparole.

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...