CREPUSCOLO di Giuseppe Carullo

Il rosso del tramonto va spegnendosi

sopra il mare tranquillo dell’estate,

i pescatori le paranze ormeggiano

e le osterie già sono illuminate.

Canti marinareschi si dileguano,

i mandolini tentano gli accordi,

passa un leggero brivido nell’aria

risvegliando un rosario di ricordi.

E io rivedo te, slanciata e giovane,

passeggiare insieme a me, lungo la riva.

Venivi quasi tutte le domeniche,

bionda ninfa “ridente e fuggitiva”.

Dal borgo, tra folate di salsedine,

giungeva l’eco di una melodia

che diceva, nei versi amari e teneri:

non c’è l’amore senza gelosia”.

Negli occhi tuoi luceva qualche lacrima,

gentile amica mia di una stagione.

Ti rattristava l’ombra del crepuscolo

o la malinconia della canzone?

………

Oh, le canzoni della vita effimere

che il nostro cuore non ricanta più!

Durano anch’esse una stagione, e passano,

come il sorriso della gioventù.

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...