‘A ‘NNAMMURATA MIA di Giuseppe Carullo

Tutta buntà, nun dice tre pparole,

ma è tale e quale a mme: senza furtuna,

sta ‘nnammurata mia pittata ‘e sole,

sta ‘nnammurata mia vestuta ‘e luna.

Io che lle pozzo dà? Sulo stu core

e sti penziere mie. So’ niente, ‘o ssaccio.

Essa ca, doce, palpita d’ammore

quanno ‘int’’e ssere ‘està lle cado ‘mbraccio!

Essa ca niente cerca e tutto dà,

sinceramente e senza gelusia,

scetàto e nzuonno, me fa’suspirà:

Napule è ‘a mia fino a che mmoro, è ‘a mia!

Giuseppe Carullo, Le stagioni del poeta

Pubblicato da

Ex-giocatrice di calcio, appassionata di Napoli e del Napoli. Amo scrivere 🖋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...