Questo voleva dirgli

Quella mattina Cardillo l’aveva portata sul lungomare, a via Caracciolo. Stavano passeggiando lentamente, trascinati da un torrente di folla bramosa di riscaldarsi al tiepido sole di quella vigilia di Natale, quando lui cominciò a incalzarla. «Allora, Serenè? Ce staje penzanno ancora? Lo sai che se non esci da questo giro prima o poi quella merda […]

Continua a leggere

Ascolta la canzone del vento

Parlare di una persona morta è tremendamente difficile, ma a maggior ragione lo è se la persona in questione è morta giovane. Perché a causa della sua morte precoce resterà giovane per sempre. Mentre noi che siamo rimasti, anno dopo anno, mese dopo mese, giorno dopo giorno andiamo invecchiando. A volte mi sembra di invecchiare […]

Continua a leggere

NON LASCIARMI

Così quella sensazione mi afferrò di nuovo, sebbene cercassi di allontanarla: la sensazione che fosse ormai troppo tardi; che c’era stato un tempo in cui tutto avrebbe avuto un senso, ma che avevamo perso l’occasione, e che ci fosse qualcosa di ridicolo, di riprovevole addirittura, nel modo in cui stavamo pensando e pianificando il futuro. […]

Continua a leggere

LA MANCANZA DELLE COSE PERDUTE

« Be’, è difficile per tutti, anche per il re dei cinici, passare più di qualche minuto a Central Park senza avere la sensazione di vivere qualche altro tempo oltre al presente, giusto?» «Penso di sì.» «Forse sentiamo solo la mancanza delle cose perdute, o la speranza in quelle che vogliamo succedano. O forse è […]

Continua a leggere

Il basilico raccolto all’alba

Il suo sguardo mi oltrepassò l’anima come un treno diretto alla sua destinazione e un amante appassionato che non ha pretese.Pareva quasi volesse ferirmi, affinché capissi ciò che stava provando.Quell’uomo era riuscito a denudare gli angoli più bui della mia anima, portandomi all’estremo piacere della carne e facendomi sentire completamente sua.Non lo avrei mai dimenticato. […]

Continua a leggere